iten

Quando i Romani, all’inizio del III sec. a.C., guidati dal console Quinto Fabio Rulliano, superarono le vette del Cimino, trovarono centri popolati sparsi per le valli
dell’Etruria: Castel D’Asso, Cordigliano, Musarna, Surrena, Ferento.

Dal borgo etrusco di Surrena, l’odierna Viterbo, sulla collina del Duomo, si dipartiva una via
che puntava verso il Piano dei Bagni, dove le acque termali erano già largamente usate a scopo terapeutico.

L’esercito romano distrusse i centri etruschi, ma fece tesoro della straordinaria civiltà etrusca che aveva lasciato l’impronta di una cultura termale raffinata; per questo motivo i bagni mantennero il nome di Terme Etrusche, fino ai tempi dell’Impero.

LE SORGENTI DELLA SALUTE

Dodici chilometri di frattura della crosta terrestre da cui spontaneamente emergono, sospinte dalla forza dei gas solfurei e carbonici, numerose acque per lo più ipertermali (40°-58°C) e ricche di sali di zolfo e bicarbonato di calcio, magnesio e altri ancora. Fra tutte, da una bianca montagnola calcarea sgorga la più importante e famosa: la sorgente Bullicame.

LA SORGENTE BULLICAME

La sorgente Bullicame, solfureo-solfato-bicarbonato-alcalino-terrosa fluorata con i suoi 58°C, è da sempre apprezzata per le qualità terapeutiche. Il suo notevole pregio risiede proprio nelle caratteristiche chimico-fisiche che la rendono adatta a molte utilizzazioni in terapia termale (da sempre tra le più apprezzate in Idrologia Medica), in particolare nella cura e prevenzione delle affezioni croniche di tutto l’apparato respiratorio e di quello osteoarticolare; anche le malattie della cute, dell’apparato genitale e le malattie dismetaboliche trovano un notevole beneficio grazie ai trattamenti effettuati con quest’acqua. La stessa sorgente alimenta una splendida piscina monumentale di oltre 2.000 mq.


LA SORGENTE BAGNO DEL PAPA

Le Termedei Papi hanno a disposizione anche altre emergenze, diverse per composizione ed indicazioni che creano ulteriori possibilità d’intervento terapeutico (ad es.: in gastroenterologia, angiologia, stomatologia…). Una di queste è quella del Bagno del Papa con qualità carboniche-ferruginose utilizzata nel trattamento delle vasculopatie periferiche.

I FANGHI TERMALI

Un laghetto vulcanico, colmo di acque termali scaturite da innumerevoli sorgenti che ne animano il fondale argilloso, ci offre un fango molto raro perché già maturo. Viene quindi utilizzato in terapia sempre vergine, maturato da millenni sul fondo del laghetto termale. Da qui, le Terme dei Papi estraggono due tipi di fango: quello lavico di colore grigio utilizzato in fangoterapia e quello sorgivo di colore bianco utilizzato per i trattamenti estetici.


CENNI STORICI

LE TERME ROMANE

Le vestigia delle terme romane si estendono per undici chilometri lungo l’antica via Cassia, alla periferia di Viterbo, assumendo particolare rilevanza in prossimità delle tre principali aree termali: Aquae Passeris, Paliano e, la più importante, Bullicame. Ampie documentazioni testimoniano il grande rilievo che la zona termale del viterbese ricopre fin dai tempi più antichi, come attestano gli scritti di Strabbone, Tibullo, Simmaco, Marziale e Scribonio Largo, medico dell’Imperatore Tiberio.

I FASTI PAPALI

In epoca medievale le terme divennero meta privilegiata di molti pontefici. È con Papa Gregorio IX, nel 1235, che ha inizio l’epoca dei fasti papali. Papa Bonifacio IX, nel 1404, accolse l’invito dei priori di Viterbo per curarsi con le acque e i fanghi i “gravi dolori delle ossa”.


IL BAGNO DEL PAPA

Le Terme si chiameranno “dei Papi” soprattutto per l’intervento di un terzo pontefice: Niccolò V. Egli trovò tale beneficio nelle cure dei suoi mali con queste acque, che nel 1450 fece costruire sul posto uno splendido palazzo, così da potervi soggiornare in caso di necessità. Quella costruzione dalle mura merlate, le belle finestre a croce e le sale ricoperte da grandi volte, si chiamò da allora il “Bagno del Papa”. In seguito, Papa Pio II promosse altri lavori di ristrutturazione e ammodernamento dell’importante edificio termale.

NELLA MEMORIA DI DANTE E MICHELANGELO

Di grande valore sono le testimonianze di poeti e artisti importanti. Nella Divina Commedia Dante Alighieri ricorda più volte il Bullicame ed in particolare nel XIV canto dell’Inferno: “Quale del Bulicame esce ruscello che parton poi tra lor le peccatrici tal per la rena giù sen giva quello …” vv. 79-81
Michelangelo Buonarroti, passando dai Bagni di Viterbo in uno dei suoi viaggi a Roma (tra il 1496 e il 1536), fu colpito dalla bellezza delle Terme e ne fece due disegni a penna, che attualmente si trovano presso il Museo di Vicar de Lille in Francia.